?

Log in

Previous Page | Next Page

Buon compleanno, Charty!


Zumzum, eccomi qui per il regalo, ihih*
Il tema sarà già stato scritto mille e mille volte, ma era da un po' che mi ronzava nel cervello, così... Ma scrivendo, mi sono resa conto di essere una povera puritana che si è scelta pure il tema sbagliato. Mondo crudele.
Scherzi a parte, ho dovuto anche dividerlo in più parti. Non per questioni di lunghezza, è solo che la seconda parte non mi convinceva e ho preferito prendermi un po' di tempo per riguardarla. Inoltre ho cercato di infilarci quanti più dialoghi possibili. E conoscendo il mio stile, spero non sia venuta su una roba illeggibile. Come spero non mi minaccerai di morte se ti dico che no, non ho ancora messo mano a KB a causa di questa... cosa.  *sorride, ma intanto inizia a scappare*

Nota: per questa fic ho abbandonato il Garamond per il Verdana. Mi sembrava che una font più scarna si adattasse più allo stile che ho adottato.

Titolo: Torn. [part 1/3]
Fandom: Naruto
Pairing: SasuNaruSasu
Rating: ehm, arancione? Rosso?
Warning: Parolacce e...ANGST. PURO ANGST. Giusto perchè è il tuo compleanno^^"
Summary: dove i nostri due eroi si angosciano per un legame che non ha nome.

      

Torn.

 

 

PRIMA PARTE: Sinking.

 

Naruto non avrebbe saputo dire come fossero arrivati a quello.

Una maglietta con troppi bottoni, fuori la pioggia battente— Cinque anni senza Sasuke erano stati duri, ma mai quanto quella manciata di mesi dopo il suo ritorno, dove la lacerazione, sempre in agguato, era stata pronta a ridurre in pezzi ogni cosa. Naruto aveva bisogno che lui capisse perché era tornato.

Ma innanzitutto, aveva bisogno di capire perché fosse rimasto.

--

L’appartamento di Sasuke era situato un po’ fuori da Konoha, vicino ai campi d’addestramento, in una zona tranquilla. Un luogo che si manteneva fresco anche durante l’estate grazie agli stanzoni vecchio stile che si trovavano al pian terreno, per cui Naruto vi si recava spesso dopo la sessione giornaliera di allenamento. Dopo perché nonostante fossero passati mesi dal suo ritorno, Sasuke non poteva ancora uscire liberamente e Naruto ne approfittava per passare lì il suo tempo libero (e un po’ anche di quello lavorativo, ma dato che Tsunade si era dimostrata comprensiva, aveva deciso di approfittarne alla grande). Quindi quando era scoppiato un temporale, al posto di dirigersi verso casa propria, si era presentato bagnato fradicio a casa dell’amico mendicando abiti asciutti. Che Sasuke avrebbe preferito non dargli e Naruto, dopo averli visti, non ricevere.

“Ma hanno il tuo marchio strambo! Non hai vestiti un po’ più anonimi?!”

“Tch, sarai strambo tu, usuratonkachi. Se preferisci rimanere nudo…”

Naruto gli strappò gli abiti di mano, guardandolo trucemente. Da quando avevano sconfitto Madara, Sasuke aveva passato il primo periodo parlando il meno possibile, sempre assorto nei propri pensieri. A cosa avrà pensato? Naruto avrebbe voluto chiederglielo, ma alla fine per paura aveva vinto il silenzio. Poi, un giorno, mentre riscaldava un piatto di ramen che Sasuke con un’occhiataccia gli aveva fatto capire di non avere alcuna intenzione di cucinargli, si era scottato malamente e lì, cercando di bendargli la ferita, Sasuke aveva ricominciato a parlargli. Dal nulla, senza ragione apparente, solo quando era sicuro che fossero loro due da soli. E Naruto non aveva detto niente neanche a Sakura, per non perdere quel suo piccolo privilegio. Ma ormai era un po’ di tempo che Sasuke era tornato ad essere perfettamente il bastardo di un tempo e non riusciva più a trovare quel loro piccolo segreto una fortuna.

“Ma come si infila questa cosa?”

“Bottoni, questi sconosciuti”

“Zitto, stronzo! Aiutami, piuttosto!”

 

Ops. Errore.

 

Naruto non avrebbe saputo davvero spiegarsi come fosse accaduto, ma il tocco esitante con cui quella mano pallida gli aveva sfiorato il petto, la sensazione di calore e, si, di sollievo al contatto con quella pelle delicata, gli confuse i sensi. E quando riuscì a liberare la testa dalla trappola che quei vestiti rappresentavano, ritrovandosi davanti il volto dell’amico, non rifiutò di baciarlo, sentendo il suo respiro sulle labbra. Non riuscì ad evitarlo.

“…Smettila. Gli amici non fanno cose del genere”

“Tu mi consideri un amico, Naruto?”

Naruto scosse la testa.

“Tu sei molte cose, Sasuke. Ma non ho bisogno che diventi anche il mio amante”

Lo sguardo del ragazzo si indurì per un attimo, prima di tornare indifferente. Ma Naruto non fece in tempo a sentirsi sollevato, perché le mani dell’amico gli si serrarono sulle braccia e lo tirarono verso di sé.

“Tu non sei mio amico. Non sei mio rivale. Non sei mio fratello. Cosa sei, Naruto?”

Nel dirlo, aveva unito le loro fronti, in un gesto che sapeva che Naruto non avrebbe potuto capire.

“L’unica cosa che ti posso dire, è che quella volta sei sopravvissuto per un mio capriccio”

Sasuke chiuse gli occhi.

“Ma noi SIAMO tutto questo, Sasuke”

“Non esiste chi sia tutto questo” ringhiò quasi.

“Sasuke—”

“Taci, idiota”

Il bacio, questa volta, non fu a stampo. Naruto, con un’arrendevolezza per cui si sarebbe disprezzato più tardi, concepì un unico pensiero coerente nella sua mente, mentre la pioggia battente diventava l’unico rumore nelle sue orecchie insieme ai gemiti spezzati dell’altro:

questo è un errore.

--

Il comportamento di Sasuke era cambiato radicalmente, da quel giorno.

Poche parole, sorrisi deviati e sesso, durante il quale, come regole non scritte, era vietato spogliarsi completamente e venire urlando il nome dell’altro. Se una volta Naruto aveva desiderato con tutto se stesso riportare a casa Sasuke per allenarsi, fare missioni, ridere con lui, ora non sapeva più che pensare, quando rimasti da soli, vedeva le labbra dell’altro curvarsi in modo osceno e sussurrare Vieni. Qui.

 “Il bagno è libero”

Dal letto, Naruto alzò di scatto lo sguardo. Sasuke, con i capelli ancora umidi per il bagno, gli era avvicinato, porgendogli un kimono simile a quello che indossava lui. Naruto sospirò. L’atto si era ripetuto  anche la sera prima, ovviamente. E somigliava pericolosamente sempre più ad una routine a cui lui non sapeva resistere.

“Sasuke”

“Hm?”

Io pensavo fosse tutto a posto—Pensavo di averti salvato.

“…”

“Cosa, usuratonkachi?”

“Niente” e irritato dal modo in cui le parole non sembravano mai prestarsi ad essere infallibili, prese la via del bagno.

Quel giorno, il giorno in cui era riuscito a spazzare via le tenebre dal suo cuore, in cui era riuscito a trasformare il suo rancore in desiderio di proteggere... perché non era andata distrutta anche quest’ombra? Cosa c’era ancora nel cuore di Sasuke ad impedirgli di essere felice?

—Ma il muro che Sasuke erigeva tra sé e gli altri, era troppo alto persino per lui.

--

Naruto era sicuro che non avrebbe mai dimenticato questo giorno. L’espressione sconvolta e ferita di Sakura mentre guardava Sasuke venire su di lui, schiacciandolo dolorosamente contro il muro, era più di quanto avrebbe voluto accadesse. Rimase pietrificato, con in mano ancora il membro dell’amico ma gli occhi affondati nelle iridi lucide di lei.

“Sakura-chan—”

“Nh?” Accennò con voce roca Sasuke, prima di notare che lo sguardo di Naruto non era più rivolto a lui.

“Ah”, sussurrò lei quando vide Sasuke girarsi “sono entrata perché volevo portarti questo” e agitò il cestino “gli onigiri. Ma—” e qui, non riuscendo più a trattenere le lacrime, coprendosi la parte inferiore del volto con una mano, piegò la testa da un lato e scappò via.

“Sakura-c—”

“Dove pensi di andare, tu” sibilò l’altro, scaraventandolo violentemente contro la parete.

“Come, dove penso di andare! Togliti, bastardo! Non sai nemmeno sigillare le porte!”

“No. Prima devi venire anche tu”, e curvò le labbra divertito.

Oh. Tu…

“…L’hai fatto apposta? Sapevi che lei stava arrivando?!”

Nessuna risposta.

“Bastardo—” e stringendo la mano in un pugno, mirò al volto. Ma Sasuke, mentre con una parava, con l’altra era sceso all’inguine.

“Ah—!”

“Non farti salire il sangue al cervello per così poco, idiota”

Debole. Naruto si sentì un debole.

--

Percorrere i corridoi dell’ospedale alla ricerca di Sakura era l’unico modo per essere sicuro di trovarla. Naruto si era appostato davanti casa sua per ore nei giorni precedenti, solo per scoprire grazie a Shizune che l’amica pernottava all’ospedale in quei giorni. Difficile non pensare che lo facesse per non incontrarlo.

“Sakura-chan!” la chiamò, vedendola in ambulatorio, sola. Le sue spalle si erano irrigidite sentendo la voce dell’amico, ma quando si era girata verso di lui gli occhi non tradivano nessuna emozione.

“Cosa vuoi, Naruto?”

“Io… Mi dispiace per quello che è avvenuto l’altro giorno. Non accadrà più”

Sakura rimase in silenzio, indugiando con lo sguardo sulla sua espressione colpevole.

“Quello che stai dicendo non ha senso. E poi ora sono occupata”

“Non è vero che sei occupata!”

“Naruto!”

“Non me ne vado di qui, dovessi anche prendermi a pugni. Non c’è niente tra me e Sasuke”

Lo sguardo indifferente di Sakura si incrinò. Ma il tono divenne furioso.

“Non mi interessa!” Poi, pian piano che la rabbia aumentava, iniziò a piangere sommessamente.

“C’è un confine tra ciò che si può fare o no per un amico! C’è un maledettissimo confine tra l’amicizia e il sesso! Pensavo che fosse scontato!”

Naruto rimase ad ascoltarla con lo sguardo abbassato, permettendo a quelle parole di devastare qualunque ragione si fosse costruito dentro di sé in quelle settimane. Nella mente si sovrapposero ricordi degli ultimi 5 anni, di tutte le volte in cui aveva promesso a lei e a se stesso di riportare indietro il terzo vertice del loro universo, della disperazione genuina che aveva provato constatando la propria debolezza. Che cosa aveva provato allora? Cosa lo aveva spinto fino all’esaurimento?

Pensava di conoscere la risposta, ma era chiaro che il legame non rispondeva più a nessuna domanda.

“Tu non sei mio amico. Non sei mio rivale. Non sei mio fratello. Cosa sei, Naruto?”

Perché Sasuke glielo aveva chiesto? Cosa sperava di sentirsi dire?

“Quindi Naruto, se le cose stanno così, io non voglio più essere coinvolta in tutto questo; è oltre le mie capacità”

“Sakura-chan. Posso chiederti una cosa?”

Sakura non rispose; Naruto lo prese per un si.

“È per me? O è per Sasuke?”

Vide l’espressione scura di Sakura vacillare. In quegli occhi verdi scorse l’amore, il dolore, il rancore inseguirsi l’un l’altro, incatenati senza soluzione; il corpo gracile tremava. Ma la parte di sé innamorata da sempre di Sakura voleva sapere lo stesso. Almeno avrebbe avuto una verità per cui soffrire.

“E’ perchè ho toccato Sasuke, Sakura-chan?” insistette “O perché credi che il mio amore non sia sincero?”

“—non è amore quello che provi per me” il tono, grave. Ma abbastanza alto per essere udito e ridurre in pezzi tutto il suo mondo.

“Tu non hai bisogno della mia approvazione. E ora lasciami sola”

--

Naruto non tornò da Sasuke per parecchi giorni. Le parole di Sakura erano un concentrato di amarezza che avrebbero potuto anche scavargli un buco nel cuore e ucciderlo lentamente. E la routine di missioni in cui aveva permesso a se stesso di cadere, continuò ugualmente a tenerlo occupato anche dopo che il dolore si era calmato un po’. Quando si ripresentò a casa di Sasuke tuttavia, Naruto comprese che non era cambiato nulla: le domande erano ancora senza risposta e l’amico, dopo avergli tirato uno schiaffo, lo aveva attirato a sé e baciato lungamente.

--

 

 

            


EDIT: ho riguardato tutta la parte iniziale, editandola leggermente* Enjoy!


Comments

( 6 Fallen Leaves — Leave a leaf )
hanachan85
Jul. 13th, 2010 04:02 am (UTC)
Commossa
Da che parte comincio?! Uhm... Si, direi da un immenso GRAZIE innanzitutto!!!
*prende un fazzolettino e lo porta al naso moccoloso* Signur, è davvero bellissima T__T mi sono persa tra il dolore, la disperazione, l'ansia, l'angoscia, l'odio, l'incredulità, la passione, l'ardore, l'amore...
Tutto in un unica fanfic! *Si rotola nell'angst* è così intensa, è così 'concentrata' di tutti quei sentimenti di cui l'amore può essere riempito, di cui l'amore può distinguersi, che ho fatto non poca fatica a rimanere pseduo seria (ricordo il fazzolettino ed il moccio al naso XD).
Davvero, non so che dire... è un regalo bellissimo!!!
Trasuda di angst da tutti i pori *_* e suppongo che sia stato un pò difficile per te conoscendoti *si inchina*
Ah, si, una cosa la voglio dire: Voglio la seconda parteeeeee!!! --> una di quelle che non ama attedere troppo XD*

Quando ho letto di Sakura che li becca in quelle "azioni", prima ero così O_O poi ci ho goduto come una matta *W* perché questo mi mancava! È la prima ff che leggo ad avere avuto questa piccola distorsione nella storia e, ti assicuro, l'ho apprezzata parecchio *____* non solo perché la odio, ma perché mi sto facendo tanti di quei viaggi mentali per la seconda parte, che non puoi nemmeno credere XD
Tipregotipregotiprego! Non farmi attendere più del dovuto (o la mia ira ricadrà su di te! V.V); ah, guarda che il tema/idea mica è banale. Io amo l'idea che Sasu possa tornare e trattare Naru in quel modo *torna a rotolarsi nell'angst come un maialino nel fango* XD
*decide di spupazzarla!!! Intensamente!!!*
eris4
Jul. 13th, 2010 07:48 pm (UTC)
Re: Commossa
Meno male che ti è piaciuta^^" E' che in realtà anche la prima parte avrebbe avuto bisogno di un'altra limatura ma volevo assolutamente farla uscire il giorno del tuo compleanno, lol*

Trasuda di angst da tutti i pori e suppongo che sia stato un pò difficile per te conoscendoti
LOL, uno dei motivi per cui l'ho divisa è perchè mi sono accorta che scrivendo la seconda parte, avevo inavvertitamente inserito dei pezzi comici! Ma il migliore l'ho tenuto, così magari lo infilo alla fine come omake* XDDD

Non preoccuparti, non ti farò aspettare secoli >.< E' che in mezzo c'è quel cavolo di esame (che non supererò MAI) T___T

LOL, Sakura* Non posso parlare per il fandom italiano (le tue fic sono le uniche che leggo), però ogni volta che su EFP leggo: Naruto (11000 e passa) penso "OMG, sarà stato scritto di tutto e di più". E un pochino questa cosa mi deprime T___T Quindi sono contenta che sia la prima fic che leggi con quel turno di eventi, perchè nonostante il clichè, almeno non mi butto giù XD
non solo perché la odio
Sei in buona compagnia XD Sono arrivata al punto da guardare con fiducia al NaruHina piuttosto, che intendiamoci, è una follia*
mi sto facendo tanti di quei viaggi mentali per la seconda parte, che non puoi nemmeno credere
Uh, questo è molto interessante! *O* Tipo? (vuole sapere perchè di solito è il contrario tra loro due XD)

Dici che non è così banale? *contenta*
hanachan85
Jul. 16th, 2010 09:26 pm (UTC)
Re: Commossa
Certo che mi è piaciuta! E non l'ho trovata per nulla banale!!!
Ma O___O hai deciso di dividerla in tre parti?! Come mai??? *impaziente ed un pò scocciata della cosa* è così incredibilmente lunga?!
Dei pezzi comici?! *W* se sono geniali non li disdegno sicuramente (che poi diventi meno angst non mi preoccupa XD)
Si... Anch'io la prima volta che ho visto la mole di ff che sono state scritte su Naruto, mi ha preso un colpo; con la certezza che ciò che scrivo verra considerato meno di zero! T_T piangiucco solo perché credo (e spero) che le mie fic sono meglio di molte altre che sembrano scritte da galline (in calore).

Ahahahahahaha! I miei viaggi mentali?!
1- Sakura che vuole violentare Sasuke per farlo tornare etero!
2- Naruto che violenta Sasuke perché decide che anche lui deve soffrire (e via con il rapporto reverse! *_*)
3- Entra in scena Shikamaru (no?! Ah... Ma di solito lui c'è sempre XD) <-- sproloquio*
Uhm... Per ora solo questi, ma se me ne vengono in mente altri ti aggiorno! U_U
eris4
Jul. 17th, 2010 01:51 am (UTC)
Re: Commossa
hai deciso di dividerla in tre parti?! Come mai??? *impaziente ed un pò scocciata della cosa*
Mi dispiace, ma per scrivere ho bisogno del mio tempo >.< E dato che sono un'incontentabile perfezionista, devo rileggere ed editare almeno 10 volte prima di essere soddisfatta di qualcosa (KB ne sa qualcosa, povera creatura T__T). Pensa che per continuare a scrivere, sul mio file personale (che ti invierò quando avrò pubblicato tutto^^) ho comunque rieditato la prima parte, lol* Si, sono così tanto maniacale.
Comunque la seconda parte è venuta lunga quanto la prima e questa cosa per qualche strano motivo mi soddisfa XD La terza parte la sto scrivendo, ma so già perfettamente cosa far avvenire e certi pezzi li ho anche già scritti su fogli volanti. Devo solo aspettare che l'ispirazione rifinisca il tutto il più velocemente possibile, ahah* (cosa facilitata dal fatto che ho trovato una SasuNaru FST con canzoni che attualmente si avvicinano molto ai miei gusti musicali ^___^ <---cosa di norma rara ç___ç)

Beh, i pezzi comici li ho tolti tutti alla fine* Quello che volevo aggiungere come omake alla fine doveva accadere durante la conversazione alla fin della quale poi si lasciano... Creava un contrasto fortissimo!

Si, le tue fics sono belle! *sfida a duello chiunque osi dichiarare il contrario*
sembrano scritte da galline (in calore).
Posso immaginare... brrrr*

LOOOOOOOOOOOOOOOOL, ecco perchè amo scrivere ff! *rotola* Uhm, se dovessi optare per la seconda, verrebbero una 50na di capitoli, sai? Avrei già in mente una serie di ideuzze-- *viene scorticata viva*
Shikamaru mi sarebbe piaciuto, ma ho pensato che lui di solito è troppo utile e che in Naruto teoricamente ci sono tanti personaggi inutili che invece dovrebbero essere più importanti di lui, tipo Kakashi. Anche se il fatto che uno cerchi di dargli lustro nelle ff non significa poi che il personaggio nel canon abbia effettivamente maggiore incidenza =___="
La prima opzione-- non scherziamo, ehi! Piuttsto la faccio innamorare di Naruto, ma non sia mai che in una delle mie fics lei metta le mani addosso a Sasuke! La uccido! <---fangirl impazzita* XD
hanachan85
Jul. 17th, 2010 10:18 am (UTC)
Re: Commossa
*W* attenderò con calma l'uscita della terza parte *ha deciso di fare la brava!*
comunque ti capisco, anch'io sono una (pseudo) perfezionista; non mi piace scrivere raggiungendo il punto focale della questione tralasciando una buona parte (cosa che accade spesso in molte ff).
Mi piace ricordare che Memories doveva essere prima una oneshort e poi una fic di 5/8 capitoli... Eggià, come no XD SasuNaru FST??? What ?____?

Peccato per i pezzo comici... Magari puoi fare lo spinoff comico XD
Se erano battute geniali, è un peccato perderle U_U
Oh, a proposito di commedie... Sto tentando di scriverne una sempre SasuNaru; se non viene fuori una schifezza magari la posto XD ma io sono brava solo con l'angst quindi...

>////////< *super imbarazzata!* waaah! Questa difesa a spada tratta! Mi commuovo!
Non è che voglia dire che le mie ff siano le più belle del mondo (non scherziamo! C'è gente che è molto più brava di me!), è solo che non capisco come mai la maggiorparte di bimbiminkia straveda per storie che non hanno una buona trama di base e men che meno un italiano decente! Ci sono volte che leggo 'cose' che mi fanno accapponare la pelle!!! •A• Brrrr

Anche tu?! Anch'io ho parecchie idea su un reverse voluto da Naruto (gia' mi immagino le scene in cui litiga con Sasuke perché stufo di essere lui a sacrificare il sederino XD)! Che dici, se KB viene bene, potremmo tentare una seconda prova XD
Comunque, tutte le mie pseudo pippe mentali, erano appunto solo pippe! Nemmeno io vorrei vedere (ma neanche lontanamente) Sakura che allunga le mani sul mio Sasukkio (Oh ehi! Sasuke è mio!!! ndNaru)



eris4
Jul. 18th, 2010 03:43 pm (UTC)
Re: Commossa
attenderò con calma l'uscita della terza parte *ha deciso di fare la brava!*
Bene! *in compenso si rimette al lavoro al doppio della lena* XD
L'esempio di Memories è decisamente calzante, lol*

SasuNaru FST
E' una Fan Sound-Track. Una lista di canzoni dedicate alla coppia per particolari frasi contenute all'interno del testo ♥

Sì, l'idea era quello dello spin-off, anche se non so fin dove si spingono le mie capacità col crack^^" Uh, una commedia! *vuole leggere* XDDD

Le bimbominkia stravedono per le storie da bimbominkia... semplice e conciso, no? ;D

LOL, certo! Il SasuNaruSasu è l'ideale, ahahahahah* *continua a ridere per sempre alla scena*
( 6 Fallen Leaves — Leave a leaf )